NI, Robotronix e SSI collaborano nel campo della Robotica degli Sciami

di Redazione

Negli ultimi anni la necessità di assegnare compiti precisi e sempre più complessi alle macchine si è spostata da applicazioni “Remote Controlled”, dove è ancora l’uomo a controllare uno o più dispositivi in rapporto uno a uno, ad applicazioni del tipo “Mission Based”, dove l’uomo affida la missione a sciami di robot autonomi che la porteranno a termine in completa autonomia. La “Swarm Robotics” si occupa della programmazione di un grande gruppo di robot con il fine di organizzare comportamenti collettivi utili allo scopo desiderato e segue i principi della “Swarm Intelligence”, disciplina che studia il comportamento degli sciami presenti in natura e di come danno luogo a fenomeni di auto organizzazione.

Partendo da qui, Sistemi Software Integrati (SSI, http://ssi.it) e Robotronix (www.robotronix.it) hanno intrapreso come progetto comune la realizzazione di una piattaforma robotica adatta alla sorveglianza di siti e infrastrutture destinata alla prevenzione delle catastrofi, al supporto, all’invio dei primi soccorsi oppure al pattugliamento dei confini.
ERUPT® (Embedded RobotroniX Unmanned PlaTform) di Robotronix è una piattaforma elettronica “Unmanned” costituita da veicoli autonomi terrestri, marini e aerei e dalla relativa stazione di controllo che, se integrata con il Sistema Adattativo Multifunzione (SAM) di SSI basato sull’intelligenza di sciame e sui più moderni servizi di controllo missione, permetterà a uomini e macchine di interagire tra loro e con l’ambiente per soddisfare obiettivi complessi.

Il Sistema Adattativo Multifunzione si poggia sul middleware BEE DDS sviluppato dalla stessa SSI in conformità allo standard Real-Time Data Distribution Services (RT-DDS) di Object Management Group (OMG).
Sviluppato in Java, BEE-DDS è caratterizzato da un’architettura decentralizzata e senza nodi critici. Grazie a sofisticati meccanismi per la garanzia della qualità del servizio, è ideale come piattaforma su cui costruire sistemi a rete e sistemi mobili caratterizzati da requisiti di predicibilità, disponibilità e sicurezza dei dati.

SSI e Robotronix hanno inoltre sviluppato un toolkit che consente di progettare e realizzare applicazioni con il software di progettazione di sistemi NI LabVIEW,
Il toolkit è stato realizzato in modo da consentire al programmatore LabVIEW di sviluppare le proprie applicazioni senza preoccuparsi della distribuzione in rete dei dati prodotti e ricevuti, grazie all’utilizzo del BEE-DDS.
BEE-DDS può essere visto come uno “Shared Variable Engine” distribuito e perfettamente integrato nella piattaforma. La possibilità di Pubblicare e Sottoscrivere “Cluster di Dati” complessi a piacere tra applicazioni che possono risiedere su piattaforme diverse (RT o Windows) in ambienti fisicamente diversi, aiuta il programmatore a non preoccuparsi dell’infrastruttura di rete ed a concentrasi sullo sviluppo dell’architettura del sistema. I subVI necessari all’utilizzo del DDS sono pochissimi e permettono di configurare, leggere, scrivere e rilasciare Clusters in maniera semplice e modulare.
Il disaccoppiamento tra Applicazione e Sistema è reso possibile attraverso meccanismi di configurazione automatica del BEE DDS, ossia configurando il nodo DDS con le caratteristiche dei dati trattati da LabVIEW ed in maniera del tutto trasparente al programmatore.

Share Button

I commenti sono chiusi.